Accedi

Inserisci le tue credenziali

Nome Utente *
Password *
Ricordami
Danzautore Contemporaneo: la spettatorialità, il linguaggio coreografico e la drammaturgia al centro della 5° settimana di studio

Danzautore Contemporaneo: la spettatorialità, il linguaggio coreografico e la drammaturgia al centro della 5° settimana di studio

 

Realizzato grazie alla collaborazione tra IDA International Dance Association, Associazione Culturale Cantieri Danza, Iscom E.R e Compagnia Nervitesi progetti di teatro e danza, il Percorso di Danzautore Contemporaneo è giunto alla sua quinta settimana di lezione.

Giorni intensi, durante i quali i ragazzi hanno avuto modo di confrontarsi con esperti docenti in merito a diverse tematiche da tenere in forte considerazione per chi voglia fare dell’autorialità una vera professione.

Partiamo dall’inizio. Lunedì è salita in cattedra Agnese Doria, del nucleo redazionale del gruppo di osservatori e critici delle arti sceniche Altre Velocità, per un approfondimento sugli aspetti più importanti per uno spettatore che assiste ad una performance, con una lezione dal titolo “Lo sguardo obliquo: angolature possibili per guardare la danza”. Talvolta cambiare punto di vista, “mettendosi seduti in platea”, può rappresentare un ottimo esercizio per un autore che voglia migliorare il proprio processo creativo. L’atteggiamento da porci da spettatori, il modo in cui il nostro essere autori va a modificare il personale giudizio sullo spettacolo e come valutare una situazione nel processo di creazione stessa dell’opera sono tutti aspetti importanti che, secondo Agnese, andrebbero sempre ben valutati. “Abbiamo ragionato - ha spiegato - sulla spettatorialità e su quali siano le eredità che questa esperienza può portare nel momento della creazione artistica, visto che loro saranno autori e cre-autori di danza. In Italia sono tutti scrittori e nessuno legge e sono tutti autori senza interrogarsi su cosa voglia dire essere auditore. Porre l’attenzione e la consapevolezza sul ruolo dello spettatore, che in realtà è un lavorone, ti mette in gioco da un sacco di punti di vista”, ha concluso Doria.

Da martedì a giovedì il testimone è passato nelle mani di Francesca Pennini, coreografa e danzatrice professionista di Collettivo Cinetico, per un approfondimento sul suo personale linguaggio coreografico. “La mia volontà era di condividere gli strumenti di lavoro creativi della Compagnia e quindi di coinvolgere i ragazzi all’interno delle pratiche tipiche sia nei processi di ricerca sia di creazione dei contenuti”, spiega Francesca.

“L’intenzione - continua - era trasferire alcuni strumenti che potessero essere per loro come dei ‘contenitori vuoti’ da riempire, adattabili alle diverse situazioni”. Francesca si riferisce a precisi  “dispositivi”, come per esempio un sistema di mobilità random in diversi momenti della quotidianità, oppure un meccanismo di creazione usato anche per i loro spettacoli, che funziona come un gioco da tavolo, chiamato Cinetico 4.4.

Nella didattica di Francesca non è previsto il mero insegnamento di uno specifico linguaggio autoriale proposto tal quale, quanto piuttosto la comunione di punti di vista e interrogativi rispetto alla visione di un momento specifico, del processo di creazione e dell’azione stessa. “Un'osservazione da diversi punti di vista in base ai differenti ruoli di coreografo, autore, performer, danzatore, spettatore e testimone, per capire come si possono mescolare e mettere in discussione all’interno dell’intero processo formativo”.

Una metodologia molto apprezzata anche dai ragazzi, che “hanno reagito molto bene, con grande curiosità e desiderio di comprendere, per non rimanere ancorati a un solo punto di vista”. Il corso ha rappresentato un’occasione di crescita anche per la stessa Francesca Pennini: “Dal confronto è emersa una diversità sinergica e costruttiva. Spesso gli interrogativi che mi venivano posti erano di una puntualità 'imprevista', su certi aspetti per me scontati, che hanno richiesto da parte mia un’analisi più approfondita, costringendomi a nuove scoperte”.

Nella giornata di oggi, spazio al tradizionale appuntamento del venerdì con l’Anatomia Esperienziale in Movimento con l’osteopata e fisioterapista nonché docente IDA Rita Valbonesi e al seminario di “Tecniche di drammaturgia” con Enrico Pitozzi, studioso di arti performative e professore dell’Università di Bologna.

 

Letto 527 volte

Lascia un commento

Verifica che tutti i dati nei campi con (*) siano inseriti. Non è permesso l'inserimento di codice HTML.

Segreteria didattica:

CENTRO STUDI LA TORRE Srl 

Organismo di formazione accreditato ai sensi della delibera di cui alla D.G.R. N. 461 / 2014.

Ente accreditato alla formazione Azienda Certificata ISO 9001-2015

 

CONTATTI

Indirizzo: 

Via Paolo Costa 2, 48121 Ravenna

Telefono: 

+ 39 0544 34124

Fax: 

+39 0544 34752

CONTENUTI GRATUITI

Scarica gratis contenuti sempre nuovi sul mondo della danza

Search

51.254.197.122