Accedi

Inserisci le tue credenziali

Nome Utente *
Password *
Ricordami
Expression n. 3 / 2019

Expression n. 3 / 2019

In questo numero:

 

Intervista a VERONICA PEPARINI | di Monica Morleo

LESTER HORTON e la sua tecnica | di Gianni Mancini

Tra danza, teatro e performance le “Grazie” di Silvia Gribaudi | di Monica Morleo

GISELLE un inarrestabile atto d’amore per la danza | di Michele Olivieri

PROMUOVERE LA SCUOLA DI DANZA: quale strategia adottare? | di Monica Morleo

NUREYEV. LA VITA | di Elisabetta Gaia Guarasci

ANDY LEMOND e il suo hip hop style | di Monica Morleo

MARCO CHIODO SI RACCONTA | di Monica Morleo

EDUCAR(SI) ALL’AUTOSTIMA. Esploriamo l’adolescenza | di Rita Valbonesi e Alice Montecavalli

CINEMA E DANZA: Il nuovo racconto coreografico nel Joker | di Monica Morleo

Intervista a CHIARA CESTELLI: vincitrice dell'audione SEAD  | di Monica Morleo

LE LUCI NEL SAGGIO DI DANZA: Come utilizzarle al meglio | di Sharon Remartini

Infortunio muscolo-scheletrico nel ballerino | di Omar De Bartolomeo, Viola Poggio, Sara Benedetti, Romeo Cuturi

 


 

Editoriale

di Valentina Minguzzi

 

In un periodo storico complicato come il nostro, dove giovani e meno giovani sono alla ricerca di riferimenti ed esempi, se la danza, da sempre espressione delle culture e delle società, si sviluppasse come movimento di critica sociale, potrebbe senza ombra di dubbio acquisire valore nella ricostruzione di un’umanità in difficoltà. Oggi come oggi, in un mondo sempre più incoerente, dove la globalizzazione ha ridotto drasticamente le distanze, cancellando (virtualmente) i confini, torna preponderante un clima di chiusura e diffidenza. Sembra un mondo assopito, legato a valori anacronistici, dove la speranza si concentra sugli ideali e sui giovani.

La danza dovrebbe rendersi portavoce di messaggi sociali, di ideali giovani utilizzando come unica fonte di comunicazione, l’espressione artistica. La danza ha un grande potere, la capacità dei corpi di unirsi, muoversi, parlare e soprattutto “sentirsi”. Sentire l’altro, capirne le debolezze per costruirne la forza, significa anche percorrere strade comuni, significa raggiungere un obiettivo comune. Di norma questo percorso viene seguito nella costruzione della coreografia e questo potrebbe davvero essere il vero punto di forza della danza, degli insegnanti di danza, che, in tutto questo, diventano punti di riferimento per la costruzione di un mondo a colori. I veri motori di quello che potrebbe diventare un vero e proprio movimento sociale apartitico, portatori di valori come l’uguaglianza, il rispetto, l’educazione e l’inclusione, in totale contrapposizione con i venti d’odio alla ribalta nella nostra quotidianità.

Ci troviamo così davanti esperienze vere e concrete, come quella di Matteo Addino, che nella realizzazione del suo sogno, la costruzione di una baby company unica sul panorama italiano, L’Experience Company IDA, ha seguito quotidianamente i valori che da sempre lo caratterizzano come coreografo ed insegnante, uguaglianza ed inclusione sociale. Matteo ha creato coreografie contro il bullismo e combatte quotidianamente contro tutti i pregiudizi, accogliendo nel suo mondo, colore e amore.

Questo è un esempio vero e concreto, ma se tutte le scuole di danza, tutti i giovani insegnanti si ponessero piccoli obiettivi quotidiani fondati su valori sani, qualcosa potrebbe senza dubbio cambiare.

Un movimento silenzioso, ma allo stesso tempo carico di energia, quell’energia propria dei giovani. La speranza è in mano loro, il cambiamento è in mano loro.

La danza non sarà il movimento sociale rivoluzionario, ma, a piccoli passi, gli insegnanti di danza potrebbero diventare gli attivisti del quotidiano, coloro che, grazie alla loro arte, potrebbero trasmettere un messaggio alternativo, capace di colorare un mondo, che vediamo oggi più che mai in bianco e nero.

 

SFOGLIA LA RIVISTA  >

 

Marco Chiodo si racconta: da Notre Dame de Paris ad un nuovo varietà italiano

Scritto da
  Marco Chiodo danzatore, coreografo, regista e capo balletto segue da diversi anni le produzioni di David Zard, da poco mancato, seguendo in particolar modo il musical Notre Dame de Paris e attualmente sta curando…

Come utilizzare al meglio le luci nel saggio di danza

Scritto da
  Negli spettacoli teatrali, ma ancor più facilmente negli spettacoli di danza, le luci possono diventare degli importanti alleati della nostra idea registica. La luce è innanzitutto quell’elemento che permette di esaltare le forme dei…

Giselle, un inarrestabile atto d'amore per la danza

Scritto da
  Il Teatro alla Scala ha riproposto “Giselle”, titolo in due atti di Jules-Henri Vernoy de Saint-Georges da Théophile Gautier, nello storico allestimento di Jean Coralli e Jules Perrot con l’iconica ripresa coreografica di Yvette…

Infortunio muscolo-scheletrico: valutazione tramite screening dei fattori di rischio nei ballerini adolescenti

Scritto da
  In questo breve articolo introdurremo un importante studio scientifico condotto nel corso di quest’anno da Viola Poggio, laureanda in fisioterapia e ballerina, che è riuscita, insieme alla nostra équipe fisioterapica, a integrare le abitudinarie…

Veronica Peparini: una donna e una passione chiamata danza

Scritto da
  Veronica Peparini inizia a danzare all'età di 11 anni insieme a suo fratello Giuliano il cui grande talento ha da sempre rappresentato per lei una fonte di ispirazione per  seguire e raggiungere le sue…

Lester Horton e la sua Tecnica dalle linee nette e chiare

Scritto da
  Lester Horton fu un importante pioniere della danza moderna, un genio del teatro. Oltre ad essere un grande coreografo, fu un costumista, un pittore. Un uomo incredibile. Una volta entrato nel suo mondo, sei…

Tra danza, teatro e performance, le Grazie firmate da Silvia Gribaudi

Scritto da
  Chi sarebbero oggi le Tre Grazie? Cosa significa Grazia? Come e in quanti modi si può esprimere e interpretare la Grazia?  Graces è una performance ispirata alla scultura e al concetto di bellezza e…

Intervista a Chiara Cestelli, vincitrice dell'audizione per la SEAD

Scritto da
  Grazie ad un’audizione organizzata dalla Sead (Salzburg Experimental Academy of Dance) in collaborazione con IDA, Chiara Cestelli, 19 anni, si Sansepolcro (Arezzo) ha vinto una prima selezione che poi ha reso possibile la sua…

Promuovere la scuola di danza: quali strategie adottare?

Scritto da
  Sponsorizzate, annunci a pagamento, contenuti sempre uguali nella giungla comunicativa che ogni giorno vediamo e “subiamo” guardando i social newtorks.  In che modo possiamo creare con risultati apprezzabili una buona comunicazione per la nostra…

A proposito di...Andy Lemond e il suo hip hop style

Scritto da
  Chi è Andy Lemond Danzatore e coreografo poliedrico, Andy ci racconta della sua formazione avvenuta praticamente sul palco  basando il suo stile su Jazz Dance, Funky Jazz, Modern, Hip-Hop e Afro. Dai più, viene…

Cinema e danza: il nuovo racconto coreografico nel Joker di Todd Philips

Scritto da
  A detta di critica e pubblico, Joker è stato uno dei film più belli del 2019. Più che un fumetto, Joker mette davanti agli occhi dello spettatore l’origine di un personaggio che hai l’illusione di…

Nureyev. La vita.

Scritto da
  Edito a giugno 2019, il corposo libro Nureyev. La vita, dal titolo stringato che sa di “definitivo”, appare un caposaldo nella bibliografia sul danzatore russo, non soltanto per la sua ampiezza. Gode, infatti, di…

Educar(si) all'autostima. Esploriamo l'adolescenza

Scritto da
  Nel percorso “Genitori e bimbi incontrano lo yoga” è previsto un modulo dove le docenti Rita Valbonesi e Alice Montecavalli  creano dei laboratori teorici pratici sull’autostima al fine di sostenere ed educare gli insegnanti…

Segreteria didattica:

CENTRO STUDI LA TORRE Srl 

Organismo di formazione accreditato ai sensi della delibera di cui alla D.G.R. N. 461 / 2014.

Ente accreditato alla formazione Azienda Certificata ISO 9001-2015

 

CONTATTI

Indirizzo: 

Via Paolo Costa 2, 48121 Ravenna

Telefono: 

+ 39 0544 34124

Fax: 

+39 0544 249099

CONTENUTI GRATUITI

Scarica gratis contenuti sempre nuovi sul mondo della danza

Search

51.254.197.122